Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_newyork

RISCOPRIRE GUIDO CAGNACCI

Data:

11/11/2016


RISCOPRIRE GUIDO CAGNACCI

In occasione della mostra in corso alla Frick Collection dedicata alla Maddalena Penitente di Guido Cagnacci e in previsione dell' apertura di quella che vedrà esposta all' istituto la Cleopatra Morente, a partire dal 2 dicembre, due grandi storici dell arte ed esperti del 600 italiano raccontano la vita e le opere di questo grande pittore non suffcientemente noto e considerato, soprattutto negli stati uniti.

La serata sara dedicata in particolare alla analisi delle opere oggetto delle due mostre.

Relatori:

Xavier Salomon, chief curator at the Frick Collection

Claudio Strinati, storico dell’arte

 

Claudio Strinati è nato a Roma nel 1948, si è laureato nel 1970 con Cesare Brandi e nel 1974 ha iniziato a lavorare presso il Ministero per i Beni e le Attività culturali. Per undici anni, fino al luglio del 2009, è stato Soprintendente per il Polo museale romano. Tra le tante esposizioni da lui ideate e realizzate con un grandissimo successo di pubblico si ricordano quella dedicata a Sebastiano del Piombo a Palazzo Venezia (Roma) nel 2008 e portata in seguito a Berlino, Il Quattrocento romano sempre nel 2008 a Roma e Caravaggio organizzata alle Scuderie del Quirinale della capitale nel 2010. Da Soprintendente è riuscito a riorganizzare musei storici come la Galleria Borghese, Palazzo Venezia, il Vittoriano e a riaprire al pubblico Palazzo Barberini, dopo decenni di oblio. Altro suo merito è di aver proceduto al restauro e alla catalogazione delle opere d’arte di Roma e del Lazio, mettendole a disposizione degli studiosi attraverso un sistema informatico che è in costante sviluppo. Lunghissima la lista delle pubblicazioni, tra libri di storia dell’arte e contributi di carattere scientifico comparsi in riviste specializzate, italiane e straniere. Tra i libri più recenti, un ciclo di volumi dal titolo Il mestiere dell’artista, editi da Sellerio, che ripercorrono la storia dell’ arte italiana dal Trecento a oggi. Nel 2010, con l’editore Skira, è stata pubblicata l’opera da lui ideata su I Caravaggeschi, risultato di lunghi anni di lavoro in collaborazione con Alessandro Zuccari. Sempre nel 2010 sono stati pubblicati due imponenti volumi, il primo su Raffaello, edito da Scripta maneant, il secondo su Bronzino edito da Viviani. Gli interessi di Claudio Strinati oltre alle arti figurative comprendono anche la musica, di cui è grande esperto, tanto da curare una rubrica settimanale sul Venerdì di Repubblica.

 

Xavier F. Salomon is Peter Jay Sharp Chief Curator of The Frick Collection. He is a noted scholar of Paolo Veronese and curated the monographic exhibition on the artist at the National Gallery, London (March–June 2014). Previously, he was Curator in the Department of European Paintings at the Metropolitan Museum of Art, and, before that, the Arturo and Holly Melosi Chief Curator at Dulwich Picture Gallery, where he curated Van Dyck in Sicily, 1624–25: Painting and the Plague (2012) and collaborated with Nicholas Cullinan on Twombly and Poussin: Arcadian Painters (2011). As an Andrew W. Mellon Curatorial Fellow at The Frick Collection (2004–6), he curated Veronese's Allegories: Virtue, Love, and Exploration in Renaissance Venice (2006). Along with Colin B. Bailey, he organized Masterpieces of European Painting from Dulwich Picture Gallery for the Frick in 2010. Salomon received his Ph.D. on the patronage of Cardinal Pietro Aldobrandini from the Courtauld Institute of Art. He has published in The Metropolitan Museum of Art Journal, Apollo, The Burlington Magazine, Master Drawings, The Medal, The Art Newspaper, and the Journal of the History of Collections. Salomon sits on the Consultative Committee and is a trustee of The Burlington Magazine and is a member of the International Scientific Committee of Storia dell'Arte and Arte Veneta.

Informazioni

Data: Ven 11 Nov 2016

Orario: Dalle 17:30 alle 20:00

Organizzato da : IIC

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di New York

1650