Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_newyork

STORIE DAL MEDITERRANEO Un regista ed una scrittrice descrivono le migrazioni

Data:

24/10/2016


STORIE DAL MEDITERRANEO Un regista ed una scrittrice descrivono le migrazioni

Quello dei migranti e’ uno dei temi decisivi per la nostra societa’ oggi. La capacita’ di affrontarlo e’ al centro della discussione nella Comunita Europea. Anche molti artisti, registi, fotografi, scrittori si sono posti l’obiettivo di raccontare la storia di chi abbandona il proprio paese, per motivi economici, politici, etnici, e affronta il difficile percorso che porta verso le nostre coste, i nostri confini. Abbiamo pensato di dedicare una riflessione su come sia possibile raccontare con gli strumenti della cultura questo enorme movimento di uomini, la disperazione e la speranza di chi intraprende un difficile viaggio. Invitati a parlarne il regista documentarista Gianfranco Rosi, autore del documentario FUOCAMMARE (Fire at sea) in questi giorni nei cinema americani e vincitore dell’orso d’oro al festival di Berlino, e la scrittrice Maaza Mengiste autrice di un reportage da Lampedusa pubblicato sulla rivista letteraria Granta.

L’incontro sara’ moderato da Andea Visconti, giornalista.

 

G. ROSI Nato ad Asmara, in Eritrea, nel 1985 si trasferisce a New York e si diploma presso la New York University Film School. In seguito a un viaggio in India, produce e dirige il suo primo mediometraggio, Boatman, presentato con successo a vari festival internazionali (Sundance Film Festival, Festival di Locarno, Toronto International Film Festival, International Documentary Film Festival Amsterdam) e trasmesso poi dalle principali emittenti mondiali (BBC, PBS, WDR, RAI). Dirige poi Afterwords, presentato alla 57ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

Nel 2008, il suo primo lungometraggio Below sea level, girato a Slab City in California, vince i premi Orizzonti e Doc/It alla Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia del 2008. La pellicola si aggiudica anche il premio come miglior documentario al Bellaria Film Festival, i Grand Prix e il Prix des Jeunes al Cinéma du Réel del 2009, il premio per il miglior film al One World Film Festival di Praga, il Premio Vittorio De Seta al Bif&st 2009 per il miglior documentario ed è nominato come miglior documentario all'European Film Awards 2009. Nel 2010 gira il lungometraggio El sicario - Room 164, film-intervista su un sicario messicano. Il film, oggetto di critiche contrastanti, vince il Fripesci Award alla mostra d'arte cinematografica di Venezia 2010e il premio Doc/It come miglior documentario italiano dell'anno. Si aggiudica inoltre il premio come miglior film al DocLisboa 2010 e al Doc Aviv 2011. Ha diretto varie Pubblicità Progresso e alcuni cortometraggi. Come freelance, ha collaborato alla supervisione al doppiaggio con Universal, Fox, Paramount e Dreamworks. È stato guest lecturer presso la New York University Film School, il Centro de Capacitación Cinematográfica di Città del Messico e la SUPSI Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana di Lugano. Con il documentario Sacro GRA vince il Leone d'oro quale miglior film alla 70ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. Il suo successivo docu-film, Fuocoammare, ambientato a Lampedusa, isola-simbolo dei migranti, partecipa come unico film italiano in gara alla LVI Berlinale 2016, vincendo l'Orso d'oro.

Maaza Mengiste è scrittrice e saggista. Il suo romanzo d'esordio, Beneath the Lion’s Gaze,  è stato selezionato da The Guardian come uno dei dieci migliori libri della letteratura africana contemporanea e nominato uno dei migliori libri del 2010 da Christian Science Monitor, Boston Globe e altre pubblicazioni. La suoi racconti ed i suoi articoli sono apparsi su the New Yorker, Granta, The Guardian, il New York Times, BBC Radio, e Lettre International.

Sia la sua narrativa che i suoi articoli esaminano le singole vite in gioco durante la migrazione, la guerra e l'esilio, e considerano le intersezioni tra la fotografia e la violenza. Ha partecipato come uno degli scrittori al film documentario GIRLS RISING, al quale hanno prestato le voci attori quali Meryl Streep, Liam Neeson e Cate Blanchett. Nel board di Parole Senza Frontiere e Warscapes. l suo secondo romanzo, The Shadow King, è di prossima pubblicazione.

Informazioni

Data: Lun 24 Ott 2016

Orario: Dalle 18:00 alle 20:00

Organizzato da : IIC

Ingresso : Libero

Massimo numero di partecipanti raggiunto


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura di New York

1642